Bando funzionario contabile

Dettagli della notizia

Concorso pubblico, per soli esami, per l'assunzione a tempo pieno ed indeterminato di n.1 funzionario contabile

Data:

13-03-2024

Bando funzionario contabile

Descrizione

Concorso pubblico, per soli esami, per l'assunzione a tempo pieno ed indeterminato di n.1 funzionario contabile inquadrato nell'Area dei funzionari ed EQ da assegnare all'Area contabile e amministrativa. 

Sono ammessi a partecipare al presente concorso coloro che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • Maggiore età (in ogni caso l’età non deve essere superiore a quella del collocamento a riposo previsto dalle disposizioni vigenti per i dipendenti degli enti locali);
  • Cittadinanza italiana. Possono inoltre partecipare i cittadini italiani non appartenenti alla Repubblica, purché in possesso dei requisiti previsti per legge. In particolare possono partecipare anche i cittadini di un altro Stato appartenente all’Unione Europea a condizione che possiedano, oltre a tutti i requisiti previsti per i cittadini italiani, anche i seguenti: godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza e adeguata conoscenza della lingua italiana.
    Possono partecipare alla selezione anche i cittadini di uno Stato non appartenente all’Unione Europea a condizione che possiedano, oltre a tutti i requisiti previsti per i cittadini italiani, anche i seguenti:
        − permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
        − godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
        − adeguata conoscenza della lingua italiana.
  • Godimento dei diritti civili e politici;
  • Idoneità fisica all’impiego e alle mansioni proprie del profilo professionale del posto messo a concorso. Ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008 s.m.i. – art. 41, comma 2 – i vincitori e i candidati risultati idonei, se successivamente chiamati in servizio, saranno sottoposti a visita medica intesa a constatare l’idoneità alle mansioni cui gli stessi saranno destinati. In caso di accertata inidoneità fisica non si darà luogo all’assunzione e gli interessati non avranno diritto né a rimborsi né ad indennizzi. L’ingiustificata mancata presentazione alla visita medica comporterà la rinuncia al posto messo a concorso;
  • Non aver riportato condanne penali che impediscano la costituzione o la prosecuzione di un rapporto di pubblico impiego, ove già instaurato. Coloro che hanno in corso procedimenti penali, procedimenti amministrativi per l'applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione o precedenti penali a proprio carico iscrivibili nel casellario giudiziale, ai sensi dell'articolo 3 del DPR n. 313/2002, ne danno notizia al momento della candidatura, precisando la data del provvedimento e l'autorità giudiziaria che lo ha emanato ovvero quella presso la quale penda un eventuale procedimento penale;
  • Non essere esclusi dall’elettorato politico attivo e non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico, ai sensi dell'articolo 127, primo comma, lettera d), del Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con D.P.R. n. 3/1957; non aver subito un licenziamento disciplinare o un licenziamento per giusta causa dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  • Essere in regola nei riguardi degli obblighi di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985;
  • Essere in possesso del seguente titolo di studio: diploma di laurea triennale (di primo livello) ad indirizzo giuridico, economico, statistico, scienze dell’amministrazione, gestione aziendale o equipollenti. I candidati in possesso di uno dei titoli di studio sopra indicati o di eventuali titoli rilasciati da un Paese estero, aventi valore ufficiale nello Stato in cui sono stati conseguiti, ai fini della partecipazione alla presente procedura devono avviare il procedimento di riconoscimento del titolo posseduto, ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D.Lgs. n. 165/2001. A tale riconoscimento provvede la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica, previo parere conforme del Ministero dell'Istruzione ovvero del Ministero dell'Università e della Ricerca.
    I candidati che presentano domanda di riconoscimento del titolo di ammissione al concorso sono ammessi a partecipare con riserva. La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica conclude il procedimento di riconoscimento solo nei confronti dei vincitori della selezione, che hanno l'onere, a pena di decadenza, di dare comunicazione dell'avvenuta pubblicazione della graduatoria, entro quindici giorni, al Ministero dell'Università e della Ricerca ovvero al Ministero dell'Istruzione. La dichiarazione di equipollenza/equivalenza va acquisita anche nel caso in cui il provvedimento sia già stato ottenuto per la partecipazione ad altri concorsi;
    L’accertamento della mancanza anche di uno solo dei requisiti sopra indicati comporterà l’esclusione dal concorso.

A cura di: Ufficio Finanziario

Ultimo aggiornamento: 31-05-2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri